Come un brano può risollevare la giornata…

Ascolto Prayer ed è il solito terrore.

Ho paura. Perché da un giorno all’altro le cose cambiano. Ho paura di svegliarmi e di non trovarla più accanto a me che si lamenta, sbraita, bestemmia, impreca per tutto il dolore che la sta mangiando viva.

La bestia. Dentro di lei e un po’ lei stessa.

Ascolto Prayer che è forse come mi sento…

Un brano che non dovrebbe essere confinato alle casse di un computer. Dentro myspace che ingloba tutto e tutti.

Mi incazzo. Sono svuotata e disgustata.

Accendo la televisione e c’è gente sui grandi palchi internazionali che non capisco…

Mi chiedo perché agli altri la vita abbia regalato così tanto.

Non esistono gerarchie del dolore. Quando stai male, senti il tuo. Punto.

Ascolto Prayer e la testa butta fuori tutto questo schifo che provo.

Sto sempre lì sul cornicione. Un piede in aria. L’altro radicato a terra.

Alla fine basta una canzone a farmi assaporare il bello della vita.

Cazzo, vorrei poter cantare e far provare agli altri quello che le note fanno sentire a me.

Vorrei produrre…

E invece sono qui, schiavizzata dal sistema. Interviste, capi-politici, soldi che passano tra le mani inanellate. E la musica semplicemente mandata a puttane.

http://www.myspace.com/alessandropaternesi

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s