Intervista Paolo Bonacelli

immagine-1C’è una frase in particolare che mi ha colpito di Paolo Bonacelli, il mitico zio di Johnny Stecchino: “Cosa significa rimanere puri? In realtà si scende sempre a compromessi, ogni giorno della nostra vita. Però l’importante è esserne consapevoli. Sapere che non si è poi così puri…”

Cazzo. Ogni giorno mi perdo nell’ambiguità di questo mondo di lustrini che celano la merda. Io che voglio sempre e solo il bianco e il nero. Io che non sopporto i discorsi lasciati a metà, le frasi dette e non dette, le ipocrisie… Io ci sono invischiata come tutti gli altri. Schiava della macchina dei media fatta di accordi tra agenzie, favori e “acosti”. Mi faccio schifo da sola.

http://www.playarezzo.it/play-notizie/play-interviste/165-paolo-bonacelli.html

Intervista agli Zen Circus per Play Arezzo

img_1966thumbnailGrandi casini. Ci sono dei meccanismi di potere politico (e monetario quindi) davvero imperanti. Rivalità tra organizzazioni di spettacoli che però fanno capo alle giunte comunali. Anche solo con queste parole rischio di essere buttata fuori dal Play o, cosa ahimé probabile, pure denunciata…

Queste poche righe per giustificare il ritardo madornale della pubblicazione dell’intervista agli Zen Circus al Karemaski di Arezzo.

Karemaski? Fa parte di Italia Wave, odiato a morte (e non sto esagerando) dalla giunta di sinistra di Arezzo.

Consoliamoci con la simpatia e l’intelligenza degli Zen: http://www.playarezzo.it/play-notizie/play-interviste/163-the-zen-circus.html