Being insane… Insanamente fa per me!

“Mi butto. Cosa penseranno gli altri di una che s’infila così all’ultimo minuto? Me ne strasbatto, come sempre. Sono fatta così… Mi spacco il culo per qualcosa che mi piace, senza volere niente in cambio. Prendere o lasciare…
Vado a dare una mano al festival Insanamente di Cortona. Ci suonano dei gruppi che ho conosciuto ai tempi di Rockit e che ho intervistato per il Play. Vediamo che ne viene fuori. E poi Cortona… Sapete quanto la amo…”

I miei genitori mi guardano perplessi, i miei amici sono poco convinti… Chi mi conosce, chi mi vuole bene sa quanto il mondo della musica mi abbia distrutto e demoralizzato col tempo, nel tempo.

È sempre questione di tempo.

In attivo la musica mi ha sempre sconfitto. Debilitata fino alla nausea.

Eppure fin da piccola volevo diventare una musicista.

La musica in passivo è tutta un’altra cosa. Ascolto avidamente e la mia fotosintesi si basa sulle note altrui. Vivo di suoni. Ma forse non devo essere io a produrli…

Io e la musica lottiamo come due amanti che si desiderano ma si respingono chissà per quale motivo.

Ho studiato la chitarra classica per anni e anni, ho scritto le mie prime canzoni alle elementari. Ho tentato la via del conservatorio per fallire miseramente al primo esame. La chitarra è ancora lì, sbattuta contro il divano. Quante volte l’avrei voluta spaccare in testa al mio maestro… Strappare gli studi di Sor e buttare gli esercizi dalla finestra.

Ho formato varie band e provato a trovare negli altri la forza di combattere contro quel lato della musica che mi tortura. Sapere stare sul palco significa avere sicurezza e controllo del proprio corpo. Io mi nascondo dietro le parole e dentro la mia voce, non so gestire le mie braccia troppo lunghe e non so dove guardare quando canto. Mi vergogno, di me, del mio involucro.

E poi c’è il mondo della musica visto dalle retrovie. L’organizzazione di eventi, la promozione, il tour management, gli uffici stampa. Il business che sta dietro la musica è fatto di squali. Ovunque girino i soldi c’è sempre il serpente che striscia, il politicante che s’infiltra e l’arrampicatore che venderebbe sua madre pur di guadagnare qualcosa.

Per una come me, una fricchettona con l’iPhone, tutto questo è tristemente paradossale. La musica è il prodotto più bello e completo di quell’essere così infinitamente inutile che è l’uomo. Ed è l’uomo stesso a sporcare tutta questa bellezza…

Ci riprovo adesso, con una forza in più dalla mia parte. Queste tre serate sono state bellissime. Ho ritrovato quell’entusiasmo che avevo all’inizio, ai tempi del mio primo Play, quando pensavo da naïf (e in fondo sono ancora un’idealista ingenuotta) che la musica fosse libera da ogni compromesso.

All’Insanamente c’è gente tremendamente giusta. Se organizzi un festival con la certezza di non guadagnarci un cazzo è perché ti spinge la passione. Vuoi che sia per la Musica, vuoi che sia per il gusto di fare qualcosa per la tua città, vuoi che sia anche per il solo piacere di stare in compagnia, se ti dai da fare per un evento senza che il tuo portafogli si riempia, hai tutto il mio appoggio.

A letto alle 3, alle 4 di notte e il cuore leggero. Sono stata davvero bene.

Ho trovato persone fantastiche, dei compagni di viaggio impeccabili.

Ringrazio tutti, uno per uno. I capoccia Manola e Alessandro, il “team della cassa” (Mattia, la Fra, Bruno e, obviously, quel juke box vivente della Ros), il Pazzo 🙂 , Raffaele, i fu-F.A.S., le spillatrici di birra e pepsi con la grande (E)Manu, la dolcissima Jaime e il suo Cardo, i porchettari e le porchettare, il canone che ci ha fatto compagnia con il suo collare rosso e il muso infilato tra le sbarre, il tizio “engaged” che mi ha gentilmente sputato addosso per tre sere di fila, i grandissimi fornitori di birra con i loro magnifici ed efficientissimi motori, ed infine, assolutamente!!!, il twitting 0f0-Marco che mi ha aiutato ad “entrare nel giro giusto” tramite lo sbellicatore di pance Faenzi (apparentemente ho un carattere di merda Nocciolo, ma penso che ormai tu abbia capito che è solo un’armatura!). Naturalmente ringrazio anche tutti i ragazzi che non ho menzionato per la mia sbadataggine… Sorry sorry, shame upon me!

La musica ha bisogno di respirare. E all’Insanamente l’aria è tremendously pure, tremendously clean!

Advertisements

2 thoughts on “Being insane… Insanamente fa per me!

  1. Grazie a te! Non capita spesso di trovare persone così alla mano! Al contrario di Lady Gaga (per rimanere in tema juke box), YOU’RE A GOOD GOOD GIRL, ILARIA! 😛

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s